Categorie
Volkswagen

La nuova Golf VII, ecco le foto ufficiali e le specifiche

Dopo tante ipotesi e supposizioni, ecco arrivare da Berlino le prime immagini della Golf che sarà sulle nostre strade a fine 2012, e si spera prima o poi , anche in versione elettrica.

Si tratta dell’attesissima Volkswagen Golf VII costruita sul nuovo sistema modulare  condiviso con l’Audi A3. E’ un po’ più lunga (5,6 cm), più larga (1,3 cm) e  più bassa (2 cm) della VI. Ha una linea decisamente più squadrata della precedente anche se non se ne discosta molto. Insomma la Golf mantiene sempre quell’aspetto …uguale a se stesso, migliorandosi ogni volta.  Stavolta si è arricchita di stile ed eleganza.

Si è alleggerita parecchio, dicono circa 99 Kg in meno rispetto alla VI ed è tantissimo. Alleggerimento  ottenuto grazie all’utilizzo di acciaio ad alta resistenza che andrà sicuramente ad influire sui consumi.

Nel frontale si notano i nuovi gruppi ottici che ricordano quelli della Passat, mente nel retro i gruppi ottici squadrati aumentano la percezione si una Golf più bassa e più larga rispetto alla precedente.

Gli interni anche se molto simili alla mia attuale Golf Highline, hanno decisamente più carattere grazie all’introduzione del nero laccato nella strumentazione.

Nuovo il sistema di infotainment touch screen. Tutto è el segno dell’eleganza e della sobrietà. Nente fronzoli eccessivi come ci ha abituati mai da anni la casa tedesca.

Per quanto riguarda i motori, tutte le  Golf VII avranno di serie  il sistema   Start&stop e il sistema di frenata rigenerativa che al momento era solo a favore della BlueMotion.

Al lancio si potrà scegliere tra  il 1.2 TSI da 85 CV (4,9 l/100 km, 113 g/km di CO2), il 1.4 TSI da 140 CV con Active Cylinder Technology (4,8 l/100 km e 112 g/km di CO2), il 1.6 TDI 105 CV (3,8 l/100 km, 99 g/km di CO2) e il 2.0 TDI da 150 CV (4,1 l/100 km, 106 g/km di CO2). Nel corso del 2013 dovrebebro arrivare la nuova BlueMotion (con consumi secondo l’azienda di 3,2 l/100 km di carburante ed emissioni di 85 g/km di CO2) e, finalmente,  l’elettrica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *